Acciai elettrozincati

Prodotti


Caratteristiche

I prodotti Elettrozincati sono formati da un substrato di acciaio al quale viene applicato un rivestimento di Zinco puro mediante il processo di elettrolisi. L’obiettivo di questo processo è quello di ottenere un prodotto in grado di resistere alla corrosione e di essere un’ottima base per la verniciatura. La quantità di Zinco applicata è decisamente inferiore, maggiormente controllata e più precisa rispetto alla zincatura a caldo, di conseguenza detti laminati si presentano con una superficie più uniforme, curata e omogenea. Il processo di elettrolisi consente inoltre di rivestire anche solamente una sola delle due facce o di decidere la quantità di Zinco da applicare su ogni lato. Oltre al rivestimento di Zinco è possibile richiedere una copertura con una lega di Zinco e Nichel che migliora le performance di saldabilità, formabilità e di resistenza alla corrosione. I prodotti elettrozincati possono essere protetti superficialmente attraverso passivazione chimica, oleatura o fosfatazione.

 

Designazione del rivestimento

Valori nominali di zincatura su ciascuna faccia

Valori minimi di zincatura su ciascuna faccia

Spessore

mm

Massa

g/m2

Spessore

mm

Massa

g/m2

ZE25/25

2.5

18

1.7

12

ZE50/50

5.0

36

4.1

29

ZE75/75

7.5

54

6.6

47

ZE100/100

10.0

72

9.1

65

 

A differenza del processo di immersione a caldo, l’elettrodeposizione permette anche di rivestire una sola delle due facce; sono quindi possibili anche le combinazioni:

ZE25/0
ZE50/0
ZE75/0
ZE100/0


Per le quali è necessario specificare se si desidera che la faccia elettrozincata sia quella superiore o inferiore

 

 

 

 


Una ulteriore tipologia di rivestimento elettrolitico è quella indicata come ZN, una lega di zinco e nichel (11%) che ottimizza la resistenza alla corrosione, la formabilità e la sdaldabilità.

 

I prodotti elettrozincati possono essere forniti con particolari requisiti di aspetto e di protezione superficiale.

 

L’aspetto superficiale può essere di tipo A o B; salvo diversa richiesta al momento dell’ordine, il materiale viene fornito con aspetto A.

 

ASPETTO SUPERFICIALE

A

Sono possibili piccole imperfezioni come piccoli alveoli, leggere graffiature e leggera colorazione, che non pregiudichino l’idoneità alla formatura e l’aderenza dei rivestimenti successivamente applicati

B

La migliore delle due superfici deve essere esente da imperfezioni che pregiudichino una verniciatura di qualità; l’altra faccia risulta almeno di aspetto A

 

La protezione superficiale può essere di varie tipologie e deve essere opportunamente indicata al momento dell’ordine:

 

PROTEZIONE SUPERFICIALE

C

Passivazione chimica, tradizionalmente a base di cromo; disponibile anche priva di cromo esavalente in conformità alla Direttiva RoHS; non consigliata per prodotti che debbano essere successivamente fosfatati

O

Oliatura mediante oli che possono essere rimossi in fase di grassaggio senza compromettere il rivestimento

CO

Combinazione di oliatura e passivazione chimica per migliorare l’effetto protettivo contro la corrosione

P

Fosfatazione, particolarmente idonea all’applicazione di uno strato successivo di vernice

PO

Combinazione di fosfatazione e oliatura per migliorare la formabilità

PC

Combinazione di fosfatazione e passivazione chimica per migliorare l’effetto protettivo contro la corrosione mantenendo secco il materiale

PCO

Combinazione di fosfatazione, passivazione chimica e oliatura per massimizzare l’effetto protettivo contro la corrosione

U

Senza alcuna protezione, sotto la responsabilità del cliente

 

Qualunque sia la tipologia di protezione, è molto importante che in fase di trasporto e di stoccaggio i materiali elettrozincati evitino il più possibile il contatto con l’umidità o l’acqua e siano mantenuti in ambiente secco.

 

Questi acciai sono disponibili nei diversi range di caratteristiche, dalle qualità commerciali (DC01) a quelle da profondo stampaggio (DC04 e DC05) ed altoresistenziali (H340LA).

 

Forma di fornitura

I coils, nastri e lamiere vengono forniti con le tolleranze normali previste dalla norma. E’ possibile concordare al momento dell’ordine tolleranze ristrette, che la norma identifica mediante la lettera Sper lo spessore, la larghezza e la lunghezza, FS per la planarità e CS per la centinatura.

Spessore

Le tolleranze sullo spessore per gli acciai con carico di snervamentoRe< 260 MPasono date dalla seguente tabella:

 

Spessore nominale in mm

Tolleranze NORMALI per una larghezza
nominale in mm

Tolleranze SPECIALI (S) per una larghezza
nominale in mm

=1200

>1200 =1500

>1500

=1200

>1200 =1500

>1500

=0,35 =0,40

± 0,03

± 0,04

± 0,05

± 0,020

± 0,025

± 0,030

>0,40 =0,60

± 0,03

± 0,04

± 0,05

± 0,025

± 0,030

± 0,035

>0,60 =0,80

± 0,04

± 0,05

± 0,06

± 0,030

± 0,035

± 0,040

>0,80 =1,00

± 0,05

± 0,06

± 0,07

± 0,035

± 0,040

± 0,050

>1,00 =1,20

± 0,06

± 0,07

± 0,08

± 0,040

± 0,050

± 0,060

>1,20 =1,60

± 0,08

± 0,09

± 0,10

± 0,050

± 0,060

± 0,070

>1,60 =2,00

± 0,10

± 0,11

± 0,12

± 0,060

± 0,070

± 0,080

>2,00 =2,50

± 0,12

± 0,13

± 0,14

± 0,080

± 0,090

± 0,100

>2,50 =3,00

± 0,15

± 0,15

± 0,16

± 0,100

± 0,110

± 0,120

 


Per gli acciai che presentano un carico di snervamento minimo garantito260 = Re< 340 MPavalgono le tolleranze riportate nel seguente prospetto:

 

Spessore nominale in mm

Tolleranze NORMALI per una larghezza
nominale in mm

Tolleranze SPECIALI (S) per una larghezza
nominale in mm

=1200

>1200 =1500

>1500

=1200

>1200 =1500

>1500

=0,35 =0,40

± 0,04

± 0,05

± 0,06

± 0,025

± 0,030

± 0,035

>0,40 =0,60

± 0,04

± 0,05

± 0,06

± 0,030

± 0,035

± 0,040

>0,60 =0,80

± 0,05

± 0,06

± 0,07

± 0,035

± 0,040

± 0,050

>0,80 =1,00

± 0,06

± 0,07

± 0,08

± 0,040

± 0,050

± 0,060

>1,00 =1,20

± 0,07

± 0,08

± 0,10

± 0,050

± 0,060

± 0,070

>1,20 =1,60

± 0,09

± 0,11

± 0,12

± 0,060

± 0,070

± 0,080

>1,60 =2,00

± 0,12

± 0,13

± 0,14

± 0,070

± 0,080

± 0,100

>2,00 =2,50

± 0,14

± 0,15

± 0,16

± 0,100

± 0,110

± 0,120

>2,50 =3,00

± 0,17

± 0,18

± 0,18

± 0,120

± 0,130

± 0,140

 


Per gli acciai che presentano un carico di snervamento minimo garantito340 = Re= 420 MPavalgono le tolleranze riportate nel seguente prospetto:

 

Spessore nominale in mm

Tolleranze NORMALI per una larghezza
nominale in mm

Tolleranze SPECIALI (S) per una larghezza
nominale in mm

=1200

>1200 =1500

>1500

=1200

>1200 =1500

>1500

=0,35 =0,40

± 0,04

± 0,05

± 0,06

± 0,030

± 0,035

± 0,040

>0,40 =0,60

± 0,05

± 0,06

± 0,07

± 0,035

± 0,040

± 0,050

>0,60 =0,80

± 0,06

± 0,07

± 0,08

± 0,040

± 0,050

± 0,060

>0,80 =1,00

± 0,07

± 0,08

± 0,10

± 0,050

± 0,060

± 0,070

>1,00 =1,20

± 0,09

± 0,10

± 0,11

± 0,060

± 0,070

± 0,080

>1,20 =1,60

± 0,11

± 0,12

± 0,14

± 0,070

± 0,080

± 0,100

>1,60 =2,00

± 0,14

± 0,15

± 0,17

± 0,080

± 0,100

± 0,110

>2,00 =2,50

± 0,16

± 0,18

± 0,19

± 0,110

± 0,120

± 0,130

>2,50 =3,00

± 0,20

± 0,20

± 0,21

± 0,130

± 0,140

± 0,150

 

 


Per gli acciai che presentano un carico di snervamento minimo garantito420 MPa< Revalgono le tolleranze riportate nel seguente prospetto:

 

Spessore nominale in mm

Tolleranze NORMALI per una larghezza
nominale in mm

Tolleranze SPECIALI (S) per una larghezza
nominale in mm

=1200

>1200 =1500

>1500

=1200

>1200 =1500

>1500

=0,35 =0,40

± 0,05

± 0,06

± 0,07

± 0,035

± 0,040

± 0,050

>0,40 =0,60

± 0,05

± 0,07

± 0,08

± 0,040

± 0,050

± 0,060

>0,60 =0,80

± 0,06

± 0,08

± 0,10

± 0,050

± 0,060

± 0,070

>0,80 =1,00

± 0,08

± 0,10

± 0,11

± 0,060

± 0,070

± 0,080

>1,00 =1,20

± 0,10

± 0,11

± 0,13

± 0,070

± 0,080

± 0,100

>1,20 =1,60

± 0,13

± 0,14

± 0,16

± 0,080

± 0,100

± 0,110

>1,60 =2,00

± 0,16

± 0,17

± 0,19

± 0,100

± 0,110

± 0,130

>2,00 =2,50

± 0,19

± 0,20

± 0,22

± 0,130

± 0,140

± 0,160

>2,50 =3,00

± 0,22

± 0,23

± 0,24

± 0,160

± 0,170

± 0,180


Lunghezza

Le tolleranze sulla lunghezza delle lamiere sono riportate nel prospetto seguente:

 

Lunghezza nominale in mm

Tolleranze NORMALI

Tolleranze SPECIALI (S)

Scostamento inferiore in mm

Scostamento superiore in mm

Scostamento inferiore in mm

Scostamento superiore in mm

<2000

0

6

0

3

=2000

0

0.3% della lunghezza nominale

0

0.15% della lunghezza nominale

 

 



Larghezza

Le tolleranze sulla larghezza dei coils interi e delle lamiere non rifilati sono riportate nel prospetto seguente:

 

Larghezza nominale in mm

Tolleranze NORMALI

Tolleranze SPECIALI (S)

Scostamento inferiore in mm

Scostamento superiore in mm

Scostamento inferiore in mm

Scostamento superiore in mm

=1200

0

+ 4

0

+ 2

>1200 =1500

0

+ 5

0

+ 2

>1500

0

+ 6

0

+ 3

 

 


Per i nastri e le bandelle di larghezza inferiore a 600 mmè valido il prospetto seguente:

 

 

Classi di tolleranza

Spessore nominale t
in mm

Scostamenti in mm per una larghezza nominale w in mm

w< 125

125= w <250

250= w <400

400= w <600

Inferiore

Superiore

Inferiore

Superiore

Inferiore

Superiore

Inferiore

Superiore

Normali

t <0,6

0

+ 0,4

0

+ 0,5

0

+ 0,7

0

+ 1,0

0,6= t <1,0

0

+ 0,5

0

+ 0,6

0

+ 0,9

0

+ 1,2

1= t <2

0

+ 0,6

0

+ 0,8

0

+ 1,1

0

+ 1,4

2= t =3

0

+ 0,7

0

+ 1,0

0

+ 1,3

0

+ 1,6

Speciali (S)

t <0,6

0

+ 0,2

0

+ 0,2

0

+ 0,3

0

+ 0,5

0,6= t <1,0

0

+ 0,2

0

+ 0,3

0

+ 0,4

0

+ 0,6

1,0= t <2,0

0

+ 0,3

0

+ 0,4

0

+ 0,5

0

+ 0,7

2,0= t =3,0

0

+ 0,4

0

+ 0,5

0

+ 0,6

0

+ 0,8

Con le nostre linee slitter possono essere garantite tolleranze diverse, a seconda della qualità e dello spessore del materiale, da richiedere al momento dell’ordine

 



Planarità

La deviazione dalla planarità viene misurata come distanza tra la superficie del prodotto e la superficie piana su cui esso è appoggiato. Le tolleranze di planarità possono essere richieste solo sulle lamiere; per i prodotti non skinpassati vengono garantite solo tolleranze normali.

 

 

Per gli acciai con carico di snervamentoRe< 260 MPale tolleranze di planarità sono date dalla seguente tabella:

 

Classi di tolleranza

Larghezza nominale w
in mm

Tolleranze di planarità in mm
per spessore t in mm

t <0,7

0,7= t <1,2

t =1,2

Normali

w <600

7

6

5

600= w <1200

10

8

7

1200= w <1500

12

10

8

w =1500

17

15

13

Speciali (FS)

w< 600

4

3

2

600= w <1200

5

4

3

1200= w <1500

6

5

4

w =1500

8

7

6

Speciali (FS)

per effettuare la verifica

w <1500

L’altezza di un’onda di lunghezza maggiore di 200 mmdeve essere inferiore al 1% della sua lunghezza

w =1500

L’altezza di un’onda di lunghezza maggiore di 200 mmdeve essere inferiore al 1.5% della sua lunghezza

Per onde di lunghezza minore di 200 mmla massima altezza non deve superare i 2 mm

 

 

Per gli acciai che presentano un carico di snervamento minimo garantito260 = Re< 340 MPavalgono le tolleranze riportate nel seguente prospetto:

 

Classi di tolleranza

Larghezza nominale w
in mm

Tolleranze di planarità in mm
per spessore t in mm

t <0,7

0,7= t <1,2

t =1,2

Normali

w <600

possono eventualmente essere concordate

600= w <1200

13

10

8

1200= w <1500

15

13

11

w =1500

20

19

17

Speciali (FS)

w< 600

possono eventualmente essere concordate

600= w <1200

8

6

5

1200= w <1500

9

8

6

w =1500

12

10

9

 

 

Per gli acciai che presentano un carico di snervamento minimo garantitoRe= 340 MPa le tolleranze di planarità possono essere concordate in fase di ordine; la norma non prevede infatti requisiti specifici.

 

Perpendicolarità (fuori squadro)

Il fuori squadro "u” è la proiezione ortogonale di un lato trasversale sopra un lato longitudinale.

Il fuori squadro "u” non deve eccedere l'1% della larghezza effettiva del foglio.

a = Distanza minima dal bordo del foglio per le normali tolleranze di planarità ( 200 mm)

u = Fuori squadro

q = Centinatura

 



Rettilineità (centinatura)

 

Tipo di prodotto

Larghezza in mm

Lunghezza in mm

Lunghezza effettiva (L) in mm

Tolleranze in mm

Tutti

tutte

=2000

2000

5

<2000

Lunghezza effettiva L

0,25% di L

Nastro

<600

Devono essere concordate all’ordinazione; una tolleranza speciale (CS) di 2 mmsu 2 mdi lunghezza può essere appositamente richiesta (ma non sugli acciai altoresistenziali)

 

Inscrittibilità del formato

A seguito di accordo all'atto della richiesta d'offerta e dell'ordinazione, le tolleranze di fuori squadro e di centinatura possono essere sostituite da una prescrizione secondo la quale un rettangolo perfetto avente le dimensioni di larghezza e lunghezza ordinate possa essere inscritto nelle lamiere fornite.

 

Saldabilità
Sono generalmente garantite le più comuni tipologie di saldatura, adattando opportunamente alcuni parametri in funzione dello spessore del rivestimento. E’ comunque raccomandabile precisare il tipo di saldatura che dovrà essere effettuata sul prodotto.

Idoneità all’applicazione di rivestimenti superficiali
Questi acciai sono generalmente idonei all’applicazione di rivestimenti organici. E’ comunque necessario specificare in fase di ordine se il prodotto dovrà essere verniciato, in modo ottimizzare anche la scelta della protezione superficiale; i prodotti oliati necessitano di una operazione di sgrassaggio prima di essere verniciati.

Applicazioni
Questi prodotti trovano impiego in una notevole varietà di applicazioni e consentono un’ottima lavorabilità, grazie alla notevole aderenza del rivestimento al substrato. Alcune delle più comuni applicazioni interessano il settore dell’elettrodomestico e delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, per gusci, fianchi, frontalini e pannelli di vario tipo; nell’arredamento, per armadi, piani, scaffali, cabine; nel settore dei trasporti e automotive, in cui si prediligono le qualità altoresistenziali per la realizzazione di particolari stampati di vario genere. 
  
Sidermed  fornisce, insieme ai propri prodotti, i documenti di controllo previsti dalla norma, a seconda delle esigenze del cliente:

EN 10204:2005 Riferimento Designazione del tipo
di documento
Contenuto del documento Convalida del documento
effettuata da
Tipo 2.1 Dichiarazione di conformità
all'ordine
Rapporto di conformità all’ordine Il produttore
Tipo 2.2 Attestato di controllo Rapporto di conformità all’ordine, con indicazione dei risultati effettuati sulla base di controlli non specifici Il produttore
Tipo 3.1
(ex 3.1.b)
Certificato di collaudo 3.1 Rapporto di conformità all’ordine, con indicazione dei risultati effettuati sulla base di controlli specifici Rappresentante autorizzato dal produttore per il controllo indipendente dai servizi di produzione
Tipo 3.2 Certificato di collaudo 3.2 Rapporto di conformità all’ordine, con indicazione dei risultati effettuati sulla base di controlli specifici Rappresentante autorizzato dal produttore per il controllo indipendente dai servizi di produzione e rappresentante autorizzato dall’acquirente per il controllo oppure l’ispettore designato dalla regolamentazione ufficiale